NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Altri contenuti: accesso civico

Accesso civico "generalizzato"

Denominazione del procedimento: 

Richiesta generalizzata di accesso (F.O.I.A. - Freedom of information act), entra in vigore dal 23/12/2016.

Descrizione del procedimento e riferimenti normativi: L’istituto dell’accesso civico generalizzato, che riprende i modelli del F.O.I.A. (Freedom of information act) di origine anglosassone,  è una delle principali novità introdotte dal decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97 che ha apportato numerose modifiche alla normativa sulla trasparenza contenuta nel d.lgs. 33/2013. La nuova tipologia di accesso, delineata nell’art. 5, co. 2 e ss. del d.lgs. 33/2013, si aggiunge all’accesso civico già disciplinato dal medesimo decreto e all’accesso agli atti ex. l. 241/1990, ed è volto a favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico. Ciò in attuazione del principio di trasparenza che il novellato art.1, co.1 del decreto definisce anche, con una modifica assai significativa, come strumento di  tutela dei diritti dei cittadini  e di promozione della partecipazione degli interessati all’attività amministrativa. La regola della generale accessibilità è temperata dalla previsione di eccezioni poste a tutela di interessi pubblici e privati che potrebbero subire un pregiudizio dalla diffusione generalizzata di talune informazioni. Il  legislatore ha configurato due tipi di eccezioni. Le eccezioni assolute, e cioè le esclusioni all’accesso nei casi in cui una norma di legge, sulla base di una valutazione preventiva e generale, dispone sicuramente la non ostensibilità di dati, documenti e informazioni per tutelare interessi prioritari e fondamentali,  secondo quanto previsto all’art. 5-bis, co.3;  i limiti o eccezioni relative, che si configurano laddove le amministrazioni dimostrino che  la diffusione dei dati documenti e informazioni richiesti possa determinare un probabile pregiudizio concreto ad alcuni interessi pubblici e privati di particolare rilievo giuridico individuati dal legislatore ed elencati all’art. 5-bis, co. 1 e 2 del d. lgs. 33/2013. 

Fonti normative: D.Lgs. 33/2013 modificato dal D.Lgs 97/2016

Unita' organizzativa responsabile dell'istruttoria: Settori e Servizi Comunali competenti per materia, con ricezione/registrazione della richiesta all'Ufficio Relazioni con il Pubblico - Demografìa

Responsabile del procedimento: Tutti i responsabili dei Settori e Servizi comunali competenti per specifici procedimenti, su ricezione della richiesta dal parte dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico - Demografia.

Per la ricezione della richiesta e registrazione dati:
Dondi Rita
Telefono Ufficio 0532/899211
Posta Elettronica Ufficio (E.MAIL): dondi.rita@comune.bondeno.fe.it
Posta Elettronica Istituzionale (PEC): comune.bondeno@pec.it

Soggetto competente per l’adozione del provvedimento finale: Tutti i responsabili dei Settori e Servizi comunali

Modulistica, documenti da allegare e accesso agli uffici di riferimento per le informazioni sul procedimento:

Documenti da allegare alla richiesta, in carta semplice: fotocopia allegata di documento di riconoscimento (con l'esclusione del richiedente che effettua la consegna personalmente al Comune). La richiesta in carta semplice, firmata, e gli allegati, possono essere inviati per posta ordinaria al Comune di Bondeno - Piazza Garibaldi, 1 - 44012 Bondeno (FE) o consegnati direttamente all'Unità Organizzativa responsabile della ricezione - registrazione oppure, con firma digitale, inviati tramite Casella di Posta certificata (PEC) al seguente indirizzo: comune.bondeno@pec.it

Per informazioni rivolgersi al Responsabile del'Ufficio Relazioni con il Pubblico - Demografìa (Dondi Rita) situato al piano terra del Palazzo Comunale - Piazza Garibaldi, 1- 44012 Bondeno (FE):
  • direttamente o telefonicamente (0532/899211): lunedì - venerdì: dalle 8,00 alle 16,30 e sabato dalle 8,00 alle 13,00;
  • tramite posta elettronica (dondi.rita@comune.bondeno.fe.it).

Termine  per la conclusione del procedimento:
30 giorni

Gli elementi essenziali del procedimento si rilevano dalla Determinazione A.N.A.C. (Autorità Nazionale Anticorruzione) n. 1309 del 28/12/2016: accedi alla pagina web.

acrobat Scarica le linee guida recanti indicazioni operative sull'accesso civico generalizzato

Strumenti  di  tutela,  amministrativa  e  giurisdizionale:
Entro 30 giorni ricorso al T.A.R. di Bologna ovvero ricorso al Difensore civico competente territorialmente, per il riesame della richiesta.
 
I tempi di attivazione del procedimento on-line sono previsti nel piano di informatizzazione dell'Ente  
 
Costo:
Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dall’amministrazione per la riproduzione su supporti materiali.
Per l'esame di documenti con rilascio di copia conforme all'originale autenticata occorre specifica marca da bollo.

Potere sostitutivo in caso di inerzia:
Segretario Generale dell'Ente ai sensi della Delibera di Giunta Comunale n. 162 del 15/11/2012, tramite l'invio di specifica richiesta in carta semplice, firmata, 

da inviare per posta ordinaria al Comune di Bondeno - Piazza Garibaldi, 1 - 44012 Bondeno (FE) o consegnata direttamente al Segretario Generale oppure, con firma digitale, inviata tramite Casella di Posta certificata (PEC) al seguente indirizzo: comune.bondeno@pec.it

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn