NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

DUE GIOVANI PER IL SERVIZIO CIVILE

Saranno due ragazzi tra i venti e i trent'anni a ricoprire i due posti di servizio civile messi a disposizione dal Comune di Bondeno. Si tratta di Sofia Benea, 24 anni di Bondeno, che prenderà servizio a Spazio 29 e Andrea Barbi, 29 anni di Gavello modenese (Mirandola), per la biblioteca. I due giovani selezionati inizieranno l'esperienza entro l'anno solare. La graduatoria finale è pubblicata sul sito del Comune, al link: http://comune.bondeno.fe.it/servizio-civile-nazionale.
Arriva così a compimento un percorso partito mesi fa, quando il Comune ha candidato all'ufficio nazionale per il servizio civile-dipartimento per la gioventù il progetto "In piedi, sempre. Dopo il terremoto: i giovani per la cultura del territorio". Dopo l'approvazione da parte del dipartimento, a primavera il Comune ha aperto il bando, che si è concluso con dieci domande pervenute. Il 2 agosto scorso - dopo alcuni incontri pubblici e altre occasioni di scambio di esperienze con alcuni volontari già in servizio - a palazzo municipale si sono tenuti i colloqui di selezione, a cui hanno partecipato in tre. Sofia e Andrea sono stati scelti per i due posti a disposizione (fatte salve le verifiche di competenza dell'ufficio nazionale per il servizio civile): a procedura ultimata inizierà il loro incarico, saranno in servizio per un anno. "Ho maturato negli anni la voglia di fare volontariato a seguito di esperienze personali - dice Andrea Barbi -. Sono sicuro che nell'anno che mi attende avrò modo di arricchirmi personalmente e lavorativamente. Ho cercato di fare di necessità virtù, trasformando la crisi economica e lavorativa in occasione per fare qualcosa di utile alla collettività, trovando molto interessante la proposta del Comune di Bondeno. In particolare ho scelto la biblioteca per la mia affinità con il mondo della lettura e dei giovani". "Perché il servizio civile? La curiosità è nata dalle belle testimonianze di chi il servizio l'ha già fatto. Sono di Bondeno, conosco già il mondo della biblioteca e quello di Spazio29, apprezzo il loro valore e la professionalità di chi ci lavora - dice Benea -. Che cosa mi aspetto da questa esperienza? Mi aspetto di arricchire il mio bagaglio culturale. A breve mi laureerò in scienze motorie, mi piacerebbe mettere a disposizione della mia comunità le competenze acquisite".
"Il servizio civile è una grande opportunità di vita e lavoro, per questo vogliamo coglierne tutte le potenzialità - dice l'assessore alle politiche giovanili Francesca Aria Poltronieri -. Avendo fatto un'esperienza diretta di questo tipo, da ragazza, credo in prima persona che si tratti di un'occasione preziosa. I giovani impegnati nell'anno di servizio civile sono di supporto al nostro lavoro e hanno l'opportunità di conoscere, dall'interno, alcune importanti realtà del nostro territorio, a contatto con il pubblico, gli operatori, i servizi. Si tratta di un progetto integrato: tra Spazio29 e biblioteca, infatti, c'è massima collaborazione e tante sono le iniziative comuni". "Siamo molto soddisfatti: oggi giunge a compimento un percorso di lavoro e selezione che garantirà a due giovani di condurre una esperienza bellissima per sé e per gli altri, per un anno - dice l'assessore Cristina Coletti -. In questi mesi abbiamo promosso molte occasioni di confronto e incontri illustrativi per condividere esperienze e informare i giovani cittadini sulle opportunità offerte dal servizio civile. Abbiamo investito in questo ambito e continueremo a farlo. Buon lavoro a Sofia e Andrea".

 

Sofia Benea

Andrea Barbi

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn