NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

234mila euro per l'ampliamento della ciclabile di Scortichino

lavori in corso

L’atteso intervento di ampliamento della pista ciclabile di Scortichino ha un planning

prestabilito e risorse stanziate per il progetto definitivo, approvato quest’ultimo durante la riunione di giunta di giovedì. «Innanzitutto, è importante valutare dallo stesso importo che si tratta di un intervento corposo, che permetterà di dare risposta a numerose richieste che sono arrivate dalla collettività di Scortichino – dicono il sindaco Fabio Bergamini e l’assessore ai lavori pubblici, Marco Vincenzi –. I lavori per la pista ciclopedonale si inseriscono in un quadro di interventi che hanno riguardato, negli ultimi due anni, i percorsi “protetti” di Gavello, Ospitale, viale Matteotti, Pilastri e presto anche via Rolando Malaguti, che sono tutti orientati verso un efficientamento delle nostre reti ciclabili e per la messa in sicurezza degli utenti deboli della strada». Per questo importante cantiere, che vedrà la luce all’inizio della primavera, il Comune metterà sul piatto della bilancia 234mila euro, con un mutuo da attivare a tasso “zero” per 200mila euro e un contributo regionale pari a 34mila euro riferito al Piano nazionale per la Sicurezza Stradale. I duecentomila euro da mutuo, per la precisione, sono derivanti dalle condizioni previste nel bando “Comuni in pista 2019”, attivato dal Credito Sportivo Ics, il quale dispone l’assegnazione di contributi in conto interessi a valore sui mutui concessi, per il finanziamento delle piste ciclabili. Come nel caso specifico. E’ stato richiesto nel merito un parere allo stesso Coni. «Il progetto, nella sua interezza, permetterà – assicura l’Amministrazione – di potere contare su di condizioni vantaggiose per l’Ente di inserire nell’appalto anche i lavori di sistemazione del parcheggio dello stadio di Scortichino, notoriamente utilizzato da persone che lavorano in paese, oltreché per le attività ricreative e sportive della Nuova Aurora». Nel complesso l’intervento avrà un valore di 181mila e 932 euro, che arrivano al valore definitivo dell’appalto includendo oneri per la sicurezza e Iva. Previste nel fondo anche spese per frazionamenti catastali, spostamenti di quadri Telecom e fibra, costi di acquisizioni aree e spese notarili. «Si tratterà, a questo punto, soltanto di vedere assegnati i lavori, prima di poter partire con l’arrivo della bella stagione».
Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn